Poteri magici

Dopo aver occupato l’immaginario della ‘povna, di qualche collega dotato di cervello e di tutti i suoi alunni per la costante durata del primo quadrimestre, negli ultimi quattro mesi Max Gazzè aveva finito per eclissarsi (moderatamente) dal proscenio dell’attività scolastica, lasciando privo il grato pubblico delle sue mirabili sortite.
Sarà che la famosa punizione dei Merry Men (ma in realtà sua) aveva sortito il suo parziale effetto (nel senso che – costretto a restare a scuola per due ore a oltranza circa, dopo avere tentato di sfuggire rispettivamente con due certificati di mutua finta e un paio di “non posso” – aveva capito che, perlomeno nelle classi della tignosa ‘povna, prima o poi ti tocca, c’è poco da scherzare). E sarà anche che, quasi contemporaneamente, la ‘povna si era risolta a chiedere l’aiuto di Barbie, che era intervenuta, come sempre, con efficiente e continuata precisione (a dimostrazione che, certo, le leggi per licenziare i fancazzisti purtroppo non ci sono veramente, ma un dirigente in gamba può comunque riuscire almeno ad arginare il peggio, se è vero che il professore Torre è stato mandato in aspettativa per depressione cosmica, a Santissima Infilzata non è stato rinnovato il contratto di supplenza e Max, appunto, è stato messo in condizione di nuocere molto meno). Fatto sta che – complice anche un uso accorto di quell’ottima arma che si chiama “indifferenza” – di lui, nei mesi scorsi, c’era stato (per fortuna) ben poco da raccontare.
“Sai, ‘povna, hai visto, ho messo un rapporto di classe”.
Sorriso soave: “Ho visto, Max: hai chiamato a casa, immagino, come da regolamento”.
“No, veramente no, magari ora lo faccio”.
“Ora sono passate due settimane, è troppo tardi. Quindi sappi che per me quella nota, banalmente, non esiste. E così sarà anche in consiglio di classe” – pausa artistica – “Che c’è? Hai qualcosa da farmi notare?”.
Non c’era niente da far notare, ovviamente. Perché l’unica risposta sarebbe stata ‘vado dal vicepreside e/o dalla preside Barbie’. Ma, siccome la strategia era stata concordata tra loro con la ‘povna, al povero Max Gazzè restava ben poco da replicare.
Nel frattempo, i Merry Men avevano iniziato a usare, contro di lui, l’antiquato espediente (courtesy of Murasaki) e tutto andava per il meglio, quando…
… Mafalda, la ‘povna e Patty Albione si incontrano alla macchinetta.
“Lo sai ‘povna che Max Gazzè è finito d’urgenza in ospedale?”
“No che non lo sapevo, ma dai, come è successo?”
“L’altro giorno, un dolore misteriosissimo, tra scapola e spalla. Gli è venuto all’improvviso, e non sa proprio come possa esserselo procurato”.
La ‘povna non è cattiva (o almeno: non troppo), eppure, lo ammette, è scoppiata a ridere.
Un riso isterico, con un po’ di timore e un po’ di brivido.
Perché di accidenti, specie nel primo quadrimestre, ne ha mandati tanti, a questo collega insopportabile. Ma non avrebbe mai creduto che si realizzassero con una tale precisione, se pur ritardatari.
Nemici della ‘povna, a questo punto, è bene che tremiate.

Informazioni su 'povna

La 'povna: corro da un mondo all'altro, di solito in treno. Temo Bianconiglio, ma non sono in ritardo. Rispetto lo sceneggiatore: di fronte a una buona trama, mi inchinerò sempre. Fermo posta: lapovna AT gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in vitadascuola e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

17 risposte a Poteri magici

  1. laGattaGennara ha detto:

    strega! :) mi vuoi bene vero? ;)

  2. vnnvvvn ha detto:

    Non pretendo che tu mi voglia bene-bene, basta un bene solo… :-D
    Comunque Max Gazzè è abbastanza stolto da andare al P.S. per un colpo di aria condizionata (e glielo auguro!). Un dolore simile ha messo la cagarella addosso anche a me qualche anno fa, al punto di andare a fare una rx ai polmoni, poi ho scoperto (dopo due mesi da incubo) che la bocchetta dell’aria condizionata mi puntava esattamente sotto il seno destro…

  3. ellegio ha detto:

    1. Io ti voglio bene :-) (mica avrai il coraggio?!?!?)
    2. Insegnami, per piacere!

  4. uahuahuahuahuah! ops. Non si ride delle disgrazie altrui. Scusate. Ma cioè, un po’ però mi viene. Ecco. Sai il saggio cinese, quello che aspettava seduto accanto al fiume? Ecco. Taaac.

  5. pensierini ha detto:

    Sei pericolosissima! :-D

  6. la forza… la forza… la forza vinceraaaaaaaaaà :)
    e mentre tu perfezioni i tuoi poteri…
    …povero Max Gazzé, forse doveva farsi vedere prima da un dottore invece di farsi prima i certificati di mutua finta.

  7. rosenuovomondo ha detto:

    E insomma a volte il potere del pensiero…

  8. ildiariodimurasaki ha detto:

    Ma no, sono sicura che la ‘povna non c’entra nulla: quegli spilloni per terra sono solo una prova indiziaria ^__^
    (per curiosità, quale sarebbe l’antiquato espediente?)

  9. lagaiaceliaca ha detto:

    ho forse trovato una causa agli strani malesseri che mi hanno funestato la settimana scorsa?

    comunque sei veramente efficace: ricordo che il professore di fisica 1 all’uni è stato oggetto di accidenti multipli e reiterati per decine di anni da parte dell’intero corpo studente, ma nulla mai accadde.

  10. paluca66 ha detto:

    Beh alla fine forse qualcosa da farti notare ce l’aveva ma ancora non se ne era reso ben conto… e poi anche per quello è stato troppo tardi!

  11. linda ha detto:

    ‘povna-Nemesi?

  12. ziacris1 ha detto:

    Ma tu non lo sai che ogni 100 accidenti uno arriva a segno?

    • Aliceland ha detto:

      Ma vuoi dire che se mandi 100 accidenti alla stessa persona poi arriva a segno, o sono 100 accidenti a 100 persone diverse? Mi interessa questa “spiega” scientifica!

  13. Aliceland ha detto:

    Che bello quando succede così! Sembra quasi che esista la Giustizia! ;-)

  14. labiondaprof ha detto:

    Fiumi, rive, sedersi, aspettare.
    Io una volta credo, a furia di accidenti, di averne spedito uno fuori strada. Illeso, ma l’auto andò distrutta… e non era un collega, diciamo solo questo.

  15. 'povna ha detto:

    GG: certo che sì!

    Viv: certo che sì (e due…). Max Gazzè è stolto, ma non è una novità!

    LGO: ma stai tranquilla pure tu (e tre)! ;-) (non sono mica poi così precisa, c’è un ritardo di almeno quattro mesi… :-( )

    Teacher: e che dire, anche io mi sono messa a ridere, stronza che sono…

    Pens: eh eh eh! (mi piace quello slogan, oh, se mi piace!)

    Soleil: hai proprio ragione: che dire? Chi di mutua ferisce…

    Rose: già già…

    Murasaki: è tutto un caso! è tutto un caso! (studiare, naturalmente! ;-) )

    Collega di Snape: sai che i Merry Men hanno deciso che invece è merito (ops, colpa) loro? “Prof., ha visto, è contenta che lei l’abbiamo tenuta fuori, mentre invece abbiamo fatto ammalare Max Gazzè e la prof. Comma Rigido?”
    Voce di Sornione: “Anche la prof. Collega di Snape, veramente…”
    Soldino e Piccolo Giovanni all’unisono: “No, con la prof. collega di Snape è successo solo che abbiamo sbagliato mira…”

    Paluca: mi sono sentita un po’ in colpa, ma solo un po’…

    Linda: lo sceneggiatore non perdona!

    Cris&Aliceland2: sì sì, interessa anche a me la spiegazione scientifica!

    Aliceland1: vero?! piccoli momenti di delirio di onnipotenza…

    Bionda: eh, il fiume, grande alleato. (Non dirmi nulla, è capitato già un’altra volta anche a me. E non era un’amica, diciamo solo questo…)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...