Rule, Britannia!

Perché fa parte della sua storia.
Perché ci ha vissuto abbastanza da portarsene dentro, per sempre, quel po’ di nostalgia.
Perché quello che è successo dopo Dunkerque è qualcosa di straordinario e irripetibile.
Perché esiste la Magna Charta Libertatum.
Per l’Ammiraglio Lord Horace Nelson.
Per gli scones, il tè delle cinque (che chissà quanti sanno che in realtà è alle quattro).
Per la birra, la Shepherd’s Pie, il sidro.
Per Jane Austen, George Eliot, Charles Dickens (e tanti altri: a cominciare da Jonathan Coe).
Perché John Stuart Mill e il pensiero liberale potrebbero insegnare qualcosa a tutti, sempre (e non solo in tema di diritti civili).
Perché, infine e soprattutto, valgono gli aforismi di Boskov.
La sua Inghilterra, di certo, non è la squadra più bella che si sia vista in campo. Ma intanto ha buttato fuori la Svezia in eleganza. Scusate se è poco.

Rule, Britannia! rule the waves:
“Britons never will be slaves.”

About these ads

Informazioni su 'povna

La 'povna: corro da un mondo all'altro, di solito in treno. Temo Bianconiglio, ma non sono in ritardo. Rispetto lo sceneggiatore: di fronte a una buona trama, mi inchinerò sempre. Fermo posta: lapovna AT gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in costume e società, personale e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

24 risposte a Rule, Britannia!

  1. Linda ha detto:

    Se avessi potuto scegliere una patria, avrei scelto la Gran Bretagna. Eh sì…
    Di calcio non ne so nulla, ma, per il resto, sottoscrivo. :)

  2. Anonimo SQ ha detto:

    Io avrei scelto di essere italiano, però vorrei l’italia un poco + tedesca nella serietà del lavoro (+ qualità) e dello studio, un poco più inglese nel rispetto degli altri (parliamo di polizia, per esempio ?), un poco + francese per l’efficienza amministrativa, un poco più scandinava per l’assistenza sociale. E’ ben per questo che ho creduto (povero scemo !) come molti della mia generazione, all’ormai sogno dell’unità europea, che ogni giorno di più va in pezzi.
    Vorrei anche gli italiani un po’ meno paraculi, anche se, se mi permettete la battuta, il paraculismo che l’italiano agisce verso i suoi simili le altre nazioni nella storia l’hanno esercitato verso le altre nazioni intere: colonialismo e guerre mondiali insegnano.
    Vorrei essere italiano anche perchè noi italiani ( e, se permettete, anche noi veneti, anche se siamo considerati al livello dei lombrichi e scarafaggi) abbiamo l’umanità che altri popoli non hanno (vedi i luterani e soprattutto i calvinisti), abbiamo l’elasticità che altri (i tedeschi, per dire) non hanno, abbiamo meno prosopopea di altri (i francesi, per esempio), e meno aristocraticità di altri (gli inglesi), la capacità di perdonare e dimenticare i torti subiti che altri non hanno (vedi i balcanici e gli slavi in genere, polacchi compresi, russi esclusi).
    Potremmo essere, se ci togliessimo un po’ di difetti, un grande popolo, come siamo stati in passato. Bisogna provarci, almeno.
    Sarebbe anche ora di capire che gli altri debbono essere degli esempi, ma non dei modelli da applicare: per capirci, per fare l’università all’inglese (come voleva Berlinguer) bisogna essere inglesi, per fare l’economia sociale di mercato bisogna essere il senso del dovere dei tedeschi, etc. Dobbiamo trovare la nostra strada. Ma ci preoccupiamo di altre cose (il ns particulare, a tutti i livelli).
    Temo che abbiamo scelto, politicamente e culturalmente, di assecondare i nostri peggiori difetti, e ridicolizzato (anche con concettuose riflessioni) quelli che han cercato di portare il nostro disgraziato paese fuori dalle secche (non sto parlando di Silvio, per capirci).

    Anonimo SQ

  3. vnnvvvn ha detto:

    Ma guarda cosa può scatenare una partita… :-D
    S’ io fossi fuoco arderei lo mondo,
    S’io fossi vento lo tempesterei,
    Se fossi acqua io l’ annegherei,
    Se fossi Dio mandereil in profondo.
    Se fossi Papa sarei a lor giocondo[...]

  4. muchoperros ha detto:

    In effetti, senza i Beatles e i Rolling Stones il mondo non sarebbe lo stesso. Condivido quanto detto da Anonimo SQ, era l’Europa la perfetta sintesi di tanta storia e cultura. Peccato che la stiamo perdendo.

  5. 'povna ha detto:

    Linda: io che un po’ di UK ce l’ho, nel sangue, dico che è una bella isola, la vecchia Inghilterra…

    AnonimoSQ: chiedo venia ma qui al bar Sport discutiamo di pallone… ;-)

    Viv: appunto. Vedi sopra. Ti pare davvero che se facessi un discorso di politica serio parlerei delle mie idiosincrasie personali e degli scones?! Io tifo anche UK perché mi appartiene, tutto qui.

    Muchoperros: i Beatles li volevo mettere nell’elenco delle idiosincrasie, lo ammetto. Poi ho deciso che potevo lasciare l’alzata/schiacciata per qualcuno: grazie!

  6. paluca66 ha detto:

    Visto che siamo al bar Sport mi permetto una piccola divagazione campanilistica visto che ieri sera alla partita degli Europei ho preferito la 4° partita di finale di basket dove la mia Milano, udite udite, è riuscita nelle titanica impresa di battere, finalmente, l’invincibile armata senese!!!
    E poi, a costo di fare una figuraccia, mi lancio per primo in un pronostico sulle otto promosse. 1. Russia 2. Rep. Ceca; 1. Germania 2. Olanda; 1. Spagna 2. Italia; 1. Francia 2: Inghilterra

  7. 'povna ha detto:

    Bravo Paluca, hai ragione, bisogna iniziare a osare le previsioni, se no che bar Sport è?!

    Per quanto mi riguarda, concordo, ovviamente, su Germania, Spagna, Francia e Inghilterra. Però, se diamo Francia al 4, secondo me nel girone 1 la Polonia passa (anche perché con la Russia non ha giocato niente male) – e comunque il fattore casalingo per l’Ukraina nell’ultima partita varrà. Non poco. L’Olanda secondo me è fuori (e alla fine tra Portogallo e Danimarca vince Portogallo, ma di questa non sono sicura). E infine, sì, anche io scommetto sull’Italia.

  8. seya ha detto:

    Per i Queen.
    Per Oscar Wilde.
    Per il mercato di Portobello Road in una mattina di sole.
    Per Felsted e le sue pecore
    ..
    devo andare oltre??XDXD

    Seya

    PS: non sto seguendo gli europei, però il mio cuore calcistico è tedesco….come sta andando la Germania??

  9. 'povna ha detto:

    Seya: ora lo scriviamo. Mille e un motivo per tifare UK! La Germania? Sta andando… così: http://nemoinslumberland.wordpress.com/2012/06/13/uber-alles/

  10. rosenuovomondo ha detto:

    Proprio proprio di calcio non mi interesso… a me piace moltissimo essere italiana, amo l’italia la gente e la sua imperfezione ma chi mi conosce dice che sono un’italiana anomala davvero

  11. Anonimo SQ ha detto:

    Rientrando al Bar Sport, io non scommetterei su questa Italia. Ho visto un pezzo di partita con la Croazia, e l’Irlanda dovrebbe essere davvero pochissima cosa per farne un boccone.

    Super Mario (eroe mitico per il mio disgraziato figlio, che ci si specchia somaticamente) non decolla, Cassano è sfiatato ormai, non abbiamo uomini in forma seria. Pirlo, che ha fatto meraviglie nella Juve, era inesistente (calcio piazzato e rete a parte). Di Natale c’è, ma è un vecchietto… senza un paio di fuoriclasse, capaci di tagliare una partita anche personalmente. E Prandelli non è nè Sacchi nè Lippi, capaci di dare la carica anche alle rape.

    Comunque anche la BRD, senza Gomes stratosferico, non so cosa sarebbe riuscita a fare… domina, ma non ha cannonieri in forma. A parte che negli ultimi 20′ esisteva solo l’Olanda…
    Complessivamente, mi sembrano dei campionati modesti, per quel che ho visto ed ho letto (che però, onestamente, è poco).
    Wait and see.

    Anonimo SQ

  12. paluca66 ha detto:

    E il primo pronostico l’ho toppato clamorosamente… cominciamo maluccio!

  13. vnnvvvn ha detto:

    Se il pronostico si basa sul gioco fino a ora espresso dico Spagna per la vittoria finale.
    Non mi pronuncio su Balotelli, la colpa non è sua.

  14. plaudo a tutta l’introduzione
    sul calcio, al solito, sospendo il giudizio :)

  15. 'povna ha detto:

    Rose: figurati, anche io sono un’italiana anomala. Ma il pallone è il pallone!

    AnonimoSQ: temo, onestamente, di non condividere quasi nulla. Balotelli può essere super solo per chi non conosce il vero pallone, Pirlo uno dei migliori. Di Natale e Cassano assolutamente dignitosi. I problemi arrivano dalla fascia e si chiamano Thiago Motta e, soprattutto, Maggio e Giaccherini, ma anche Bonucci. (Sacchi non è mai stato niente, Prandelli se lo mangia in zero bocconi. E Lippi dipende da quale. I grandi tornei si vincono ai cambi: Lippi nel 2006, ma anche Bearzot nel 1982, non sbagliò una sostituzione.). Il problema, credo, non è di età, ma di modulo, e del fatto che non abbiamo (quasi) difensori e interditori (De Rossi e Bonucci giocano comunque fuori ruolo). L’Italia passerà, io credo, grazie alla Spagna. (Poi magari sarò smentita).

    Paluca: non avevo il mito Russia (se no non avrei detto Polacchia). Ma la Grecia non me l’aspettavo (pareggio sì, vittoria no). Questo gruppo 1 ci ha spiazzato! (però era il più difficile, va detto).

    Viv: su questo dissentiamo. Altro che, se la colpa è di Balotellil che proprio non merita di essere lì. Come ha detto BibCan, ora si deve essere infortunato giocando alla playstation. Sottoscrivo. (Però bisogna giocare di più, avanti, avanti, vogliamo il toto-qualificazioni, finora ci siamo sputtanati solo io e Paluca!)

    Soleil: Rule, Britannia! Forever! ;-)

  16. e.l.e.n.a. ha detto:

    diciamo che per non rimarcare la supremazia egemone – e un po’ dittatoriale – che ostentano in questo periodo, mi piacerebbe vincesse qualunque squadra, tranne la germania.

    [boskov?]

  17. Anonimo SQ ha detto:

    Bah ! Visto che siamo al Bar Sport, consumiamo questa domenica in chiacchiere da Bar Sport (nessun colto riferimento letterario sottinteso). Anche questa è italianità vera, no ?
    Anch’io temo, onestamente, di non condividere quasi nulla, povna. Ma per uno cresciuto sulle mitiche letture di Brera, che ha visto tutti i mondiali dopo il Cile etc etc ma negli ultimi 10 anni ha gettato la spugna, perché in questo calcio dei fantastiliardi, di Sky e delle tre partite al giorno non si riconosce più (come in molto resto dello sport, il ciclismo per esempio) restano pochi argomenti per ribattere nel dettaglio.
    A me Sacchi non è mai piaciuto: sono allenatori che lasciano la terra bruciata dopo di loro. A me piaceva il Rocco di Rivera, Prati e Schnellinger, che era capace di far arrivare in nazionale anche, che so, un Anquilletti, facendo tesoro di ogni briciola di capacità di ognuno, e convincendoli a fare sempre il meglio per loro generosità, non per costrizione psicologica.
    Dire però che “Sacchi non è mai stato niente”, perdonami povna, mi sembra un poco grossa, con quello che ha fatto ed ha vinto. Era uno di quegli allenatori soprattutto capaci di caricare oltre ogni limite, e di spremere anche l’ultima goccia di sangue, dai propri giocatori. Non si porta in una finale mondiale, fino ai rigori, una squadra che, oltre a Baggio, non aveva un vero fuoriclasse (si, vabbè, Baresi e Maldini erano grandi giocatori): lui c’è riuscito. Anche Mourinho appartiene a quel tipo di uomini ( e neppure lui mi piace, anche se con lui la mia Inter (e cosa poteva aver tifato uno sfigato come me ?) ha fatto tripletta).
    Lippi non so, comunque i risultati parlano da soli: non si vince un mondiale solo essendo un gran figlio di…, bisogna avere anche delle capacità.
    Dire che l’Italia di oggi non ha un modulo di gioco buono, e poi dire che Prandelli si mangia Sacchi in un boccone mi sembra una contraddizione logica: il modulo di gioco l’ha scelto lui, e si è scelti gli uomini. Rocco avrebbe scelto i migliori e costruito un modulo per loro, cercando soprattutto di “fare squadra”: altri tempi, altro calcio. Di fatti il suo Milan fu travolto dal calcio “totale” (ma l’ Olanda di oggi fa solo pena, in confronto di quella di allora).

    Se vuoi un pronostico, forse un 1-0 sull’ Irlanda lo facciamo, ma penso + probabile un terzo pareggio, la difesa fa acqua e l’attacco pure. Su Balotelli non mi pronuncio, sembra troppo la carne della mia carne, sarebbe un infierire sul mio sangue.

    Fossi la Germania, stare comunque attenta alla Grecia. Non si può mai dire…

    Anonimo SQ

    • 'povna ha detto:

      E.l.e.n.a.: questa Germania è troppo belle e io che pure non sono germanofila, non riesco a non tifarla! Il teorema di Boskov sono tutti i suoi aforismi famosi (Rigore è quando arbitro fischia etc).

      AnonimoSQ: Su Prandelli non vedo contraddizione, per avere modulo devi avere uomini. Che non ci sono in quei ruoli. Reinventarsi De Rossi in quell’antico ruolo da romanista piccino, così come recuperare Bonucci come gioca nella Juve è una grande idea. Sacchi aveva i giocatori (e poi anche quella cosa per cui passò alla storia come “il culo di Sacchi”). Anche ai mondiali (e su Baggio fu così scervellato da mandarlo a fare il rigorista senza praticamente averlo fatto mai allenare ai rigori, tanto per dire). Lo dico e lo ripeto, sopravvalutato quanti altri mai, profetuncolo di una nouvelle vague che funzionava grazie al Milan miliardario (grazie al cazzo, aggiungo io). Se penso a uno che davvero aveva idee con giocatori medi, tutta la vita Dino Zoff.
      Germania-Grecia, concordo! Lo dicevamo con BibCan giusto ora, sarebbe narrativamente interessante. Posto che la Germania passi il turno, sempre per il teorema di Boskov e un po’ di scaramanzia! !

    • Anonimo SQ ha detto:

      E’ vero, il povero Zoff, trombè by Silvio, fece la + bella Nazionale da quella dell’Argentina ’76. Ovviamente, fu allontanato perchè dotato di attributi…

      Anonimo SQ

    • 'povna ha detto:

      E se consideri la Juve da lui allenata, che vinse la Uefa e la Coppa Italia con Rui Barros…! (Argentina ’78, ovviamente).

  18. vnnvvvn ha detto:

    Mi accodo al toto-qualificazioni ben conscia di essere facilitata perchè il gruppo 1 è out.
    Gruppo 2: Germania e Portogallo (con il Portogallo che pareggia)
    Gruppo 3: Spagna e Italia (con l’Italia che batte l’Irlanda 4-0 anche perchè altrimenti non passa)
    Gruppo 4: Francia e Inghilterra.

    Quando dicevo che la colpa non è di Balotelli intendevo dire che la colpa è di chi ce lo ha portato ( e non intendo Prandelli ma sponsor e via dicendo).
    Con la squadra che aveva Sacchi al Milan avrebbe vinto anche mia nonna… il male del calcio italiano, a mio avviso, è che non ci sono giocatori italiani…

    p.s. m’è sparito un commento di stamattina su super-mario ma ero di fretta capace che non l’ho pubblicato :-P

    • 'povna ha detto:

      Ho controllato, ma non ho trovato commenti in spam, mi sa che ti è scappato.
      Sul resto, sai che condivido. Punto per punto.

  19. paluca66 ha detto:

    Toppato anche il secondo pronostico ma qui avevo voluto un pò azzardare perchè era chiaro che il Portogallo partiva strafavorito… E poi finalomente si è visto il vero Ronaldo… Attenzione che con un Europeo di livello piuttosto basso qualitativamente quale quello che si è visto finora, uno come Ronaldo può fare eccome la differenza!

    • 'povna ha detto:

      Questo invece lo avevo, fieramente, azzeccato (ma sospetto che mi abbia favorito ciò che ha sfavorito te, cioè il mio disamore Orange). Concordo su Ronaldo, è abbastanza chiaro che questo Europeo lo fanno il gran gruppo intercambiabile (la Germania, ma anche la Spagna) oppure le stelline se si svegliano. E comunque le partite dei quarti, a questo punto, sono davvero interessanti. Domani ne parlo in profondità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...