Guardie e ladri

Di ritorno dal matrimonio dell’amico alieno Ibbo (che li ha visti confrontarsi, con sufficienti non chalance e destrezza, con l’intellettuale intellighenzia che intorno a lui, costantemente, gira), la ‘povna e l’Amico Scrittore hanno passato la serata con Viola, Papà Razzo e l’Altra, ai quali hanno raccontato gli episodi più significativi del loro mondanissimo sabato, rievocando i tempi in cui quei luoghi (sia pure con l’attitudine meta-snob che li contraddistingue) erano settimanalmente pure i loro. Poiché erano tutti stanchi, si sono salutati abbastanza presto; e la ‘povna ha colto l’occasione per calarsi subito tra le braccia di Morfeo.
Non passa che un’ora scarsa, e la ‘povna viene svegliata da una serie di rumori sordi, e voci sussurrate, e passi. E infine – basta uno sguardo alla finestra – torce velate che pattugliano il giardino. Spettrale nella sua camicia da notte bianca (che è poi la sottoveste della sua bisnonna), la ‘povna si affaccia tra le sbarre. In tempo per vedere quattro sbirri che zompettano tra l’erba, maldestramente preceduti da un individuo in mutandoni e ciabatte che ripete ossessivamente: “Ecco, da questa parte: il rumore era qui vicino”.
Sempre troppo tardi, anche i poliziotti identificano la ‘povna:
“Buona sera, ci hanno chiamato perché hanno sentito dei rumori sospetti…”.
La ‘povna (che è educata) saluta a sua volta. E poi nega recisamente, resistendo agli attacchi del vicino che la incalza ad altezza di cespuglio: “Ma sì, un rumore, mi ha svegliato, ho pensato che fosse entrato in casa un ladro acrobata, non può non averlo sentito”.
La ‘povna conferma la sua sordità, e scompare dal vano finestra. Prima che gli sbirri abbandonino il luogo del delitto sarà passata un’altra ora abbondante. Del presunto ladro (ovviamente) non c’è traccia. In compenso, ancora imperversa il vicino.
All’alba delle quattro la ‘povna, infine riesce a prendere di nuovo sonno. E, prima di scivolare nella beata incoscienza, con l’ultimo pensiero intelligente si domanda se sia il caso di rivelare, la mattina seguente, come il vento abbia chiuso (invero assai rumorosamente) la finestra vasistas del suo bagno. Determinando dunque il colpo secco. E tutta la successiva sarabanda del giardino.

About these ads

Informazioni su 'povna

La 'povna: corro da un mondo all'altro, di solito in treno. Temo Bianconiglio, ma non sono in ritardo. Rispetto lo sceneggiatore: di fronte a una buona trama, mi inchinerò sempre. Fermo posta: lapovna AT gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in costume e società, personale e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a Guardie e ladri

  1. melchisedec ha detto:

    Per un rumore, anche se “forte”, uno chiama il 113? Un po’ esagerato il vicino.
    Immagino lo stupore provato quando ci si scopre “colpevoli”, sebbene in ritardo. Ma alla fine glielo rivelerai?

  2. bianconerogrigio ha detto:

    Vicino apprensivo o rompip***e?

  3. rosenuovomondo ha detto:

    no, io osserverei un rigoroso silenzio!!!

  4. ziacris1 ha detto:

    non dirmi che hai li vicino che ti tacchina!!!!!!!!!!!

  5. annikalorenzi ha detto:

    silenzio assoluto!!!

  6. cavoli, sembrano personaggi usciti da Kopps, un film svedese che mi aveva divertito tanto :)
    devo dedurre che non è una zona piena di chiamate la vostra :D e che il vicino ha bisogno di intrattenimenti

  7. ilmondodici ha detto:

    Tutti hanno un vicino così, da noi son venuti i ladri due volte ma non li hanno sentititi. In compenso abbiamo un’anziana signora che abita sotto di noi che ci monitora da 12 anni. Pensa che i primi anni alle riunioni di condominio si lamentava che non ci sentiva mai, che eravamo come fantasmi! Forse perchè io in casa appena entro tolgo le scarpe e all’epoca ci dormivo solo… Oggi a volte mi incrocia e dice: “Signora X (col nome di mio marito, e per me la signora X è solo mia suocera… ;) ) sento che alla sua bambina ogni tanto cade qualcosa di mano”…. Mai contenti questi vicini! :)
    E comunque ‘povna spettrale con la sottoveste della bisnonna è perfettamente in linea col tuo personaggio e con i tuoi gusti letterari. :)

  8. Aliceland ha detto:

    Ma la cosa sorprendente è che gli sbirri siano usciti perché uno ha detto che ha sentito un rumore!!!!
    Comunque molto divertente, e sì, anch’io mi terrei per me la questione della finestra ;-)

  9. ildiariodimurasaki ha detto:

    Sì, tutti abbiamo un vicino così. Che poi, la volta che nel quartiere passa Jack lo Squartatore, di solito non sentono niente. Strozzarli non si può (che con l’ultimo rantolo chiamano la polizia), l’unica è scansarli il più possibile… o regalargli un crotalo digiuno da due settimane ^__^

  10. Alidada ha detto:

    magari poi ti sei sbagliata e non è stata la finestra del bagno ma un malfattore che si aggirava per davvero :-) Lascia che imperi il beneficio del dubbio e amen :-)

  11. agrimonia71 ha detto:

    beh loro non ti hanno chiesto se una finestra era sbattuta…..potevi chiedere al vicino anche del tuo basilico, sapere dove lo tengono prigioniero e già tagliato da pesto

  12. 'povna ha detto:

    Mel: assolutamente esagerato, e decisamente su di giri. Non penso di rivelarglielo, anche perché dubito che abbia il senso dell’umorismo adeguato…

    Grigio: direi soprattutto idiota.

    Rose: penso anche io!

    Cris. infatti non te lo dico. Mi limito a dirti che è idiota!

    Annika: sarò muta…

    Soleil: la piccola città, nonostante l’immagine che amano auto-rappresentarsi i suoi oriundi, è di una tranquillità che fa paura… E il vicino evidentemente aveva deciso che era la sua notte del brivido! :-) (il film non lo conosco, bisogna che rimedi).

    Cì: mamma mia, i vicini mai contenti, e una volta il rumore, e una volta il silenzio, e una volta questo… non a caso una delle cose che mi piace della nuova casa è che è un condominio di soli affittuari tutti di una stessa immobiliare molto professionale. In questo modo si è tutti pari, non ci sono assemblee e siamo tutti sotto l’amministratore… (La mia camicia da notte è bellissima e… hai ragione! – la amo anche per il suo aspetto da Londra dickensiana!)

    Aliceland: in teoria sono obbligati. Anche perché noi non sappiamo se lui ha detto solo che ha sentito rumore. Magari ha detto che aveva visto un ladro in giardino…

    Murasaki: opterei per il crotalo, allora! :-D

    Alidada: sì, me lo sono chiesto anche io… Anche se, stando io al piano rialzato e con tutte le finestre, da vari lati, sul giardino (e avendo il medesimo giardino dei fari a movimento) penso che avrei sentito qualcosa anche io. Comunque sì, meglio il dubbio, alla fine…

    Agri: ci credi che ci ho pensato anche io? Volevo dirgli: “lei piuttosto, favorisca il mio basilico, prego”!

  13. ildiariodimurasaki ha detto:

    oops, dimenticavo: ti invidio moltissimo la camicia da notte dickensiana. E, ora che ci penso, in alternativa al crotalo potresti improvvisarti fantasma… stavolta il vicino non potrebbe cavarsela chiamando la polizia!

  14. Gaia ha detto:

    il segreto rimarrà tra noi! ;-)

  15. 'povna ha detto:

    Murasaki: fantastico! Fa un sacco Bleak House!

    Gaia: ;-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...